redmi note 9

Recensione Xiaomi Redmi Note 9: a questo prezzo impossibile chiedere di meglio

Oggi recensione dello Xiaomi Redmi Note 9. È la mia prima recensione che pubblico quindi siate clementi con me. Volevo soltanto aggiungere che lo smartphone in questione l’ho a casa da più di due settimane e ho potuto fare tutti i test del caso e che l’ho comprato io. Un appello a Xiaomi, se hai letto e hai apprezzato la recensione mandami i tuoi smartphone in prova.

Confezione ed ergonomia
redmi note 9

Il Redmi Note 9 si presenta in una scatola raffigurante il render del telefono da fronte e retro e il logo dell’azienda. All’interno troviamo: lo smartphone (casualmente), cavo usb-type-c, alimentatore 20W, cover in silicone trasparente apparentemente di ottima qualità, spilletta per il carrellino delle due sim e della sd (tre slot totali) e la manualistica. Davvero un ottimo lavoro di packaging. Lo smartphone si presenta in un design a tutto schermo con buco della fotocamera in alto a sinistra, personalmente poco invasivo. Il retro ahimè è in plastica, ma dato il prezzo ci può stare benissimo, e nel complesso si tiene bene in mano anche se è un po’ scivoloso dato i materiali.

 

Scheda Tecnica

Dimensioni: 162,3 x 77,2 x 8,9 mm 199 grammi 

Soc: Mediatek Helio G85

Configurazione: 3/64 o 4/128 GB di ram/memoria interna espandibili con sd card

Display: 6.53 IPS risoluzione 1080 x 2340 pixel 

Fotocamere: 48 Mp + 8 Mp + 2 Mp + 2 Mp e 13MP(anteriore)

Batteria: 5020mAh

Prestazioni generali e Gaming
redmi note 9

Il Mediatek G85 sorprende. Sorprende in tutti gli ambiti. Anche in gaming, dove mi sarei aspettato performance inferiori (considerando il prezzo) il Redmi Note 9 se la cava benissimo. È presente anche la gaming mode. Lo smartphone scalda dopo un po’ nella parte superiore ma nulla di preoccupante. Audio mono di discreta qualità con un buon volume.

Display
redmi note 9

Il display è un comune IPS in risoluzione FullHD+ a 20:9, quindi 1080×2340 pixel. Nulla di eccezionale, il solito display nella fascia 200/250€ con colori a tratti troppo saturi e neri tendenti al grigino. Non supporta l’HDR. Buona luminosità massima ed è presente la modalità lettura.

Foto
redmi note 9

Nel complesso il Redmi Note 9 non scatta brutte foto.  Sono quattro i sensori fotografici 48MP f1.79(sensore principale)+8 (grandangolare)+2(macro)+2(effetto bokeh). In ambienti luminosi foto ottime, anche se i colori non sono ben bilanciati. Presente la modalità notte ma con poca luce non riesce a convincere più di tanto. Se il vostro obiettivo principale è fare le foto meglio spendere 60€ in più e prendere un Redmi Note 9 Pro. Se dovessi considerare il prezzo direi che le foto sono nella media, in alcuni ambiti anche superiori rispetto agli altri smartphone di fascia medio-bassa. 

Software e autonomia
redmi note 9

MIUI 12 con patch di sicurezza di Agosto 2020, più aggiornato di così non si puo’. Con la MUI 12 il Redmi Note 9 gira molto bene, non ho trovato bug rilevanti. L’autonomia è il punto forte di questo smartphone. Con la 5020mAh riesce a garantire un giorno e mezzo o due giorni con un utilizzo social.  Le 7 ore e mezza di schermo acceso non dovrebbero essere un problema per voi da raggiungere con questo smartphone. Ultime parole sul software: è la solita e apprezzatissima MIUI ma con qualche giochino o applicazione di troppo facilmente disinstallabile. Presente un po’ di pubblicità nelle app Xiaomi tipo Musica.

Prezzo e considerazioni finali

Il Redmi Note 9 è uno smartphone molto equilibrato che vi potrà dare molte soddisfazioni lato hardware e software. In configurazione 4+128GB lo trovate a 170/200€, un prezzo più che onesto per un dispositivo che reputo best buy. Non consiglio assolutamente la versione 3/64 poiché non in linea con la media degli smartphone attuali che hanno tutti 4GB Ram. Molto contento della presenza dell’NFC e del jack audio che non sono così banali nell’usabilità quotidiana. Non farà foto bellissime, non avrà un processore fulmineo, ma a questo prezzo impossibile chiedere di meglio. Da Gabriele La Milia di Thinktankita Tech & Games è tutto. Al prossimo articolo!

Spread the world

Leave a Reply