ryzen

Ryzen 3 3100 e 3300x, chi ha il coraggio di chiamarla fascia bassa?

AMD ha finalmente completato la sua line up di processori serie ryzen 3000 introducendo nel mercato la fascia ryzen 3. Non mi sento in dovere di dire bassa poiché, come vedremo più avanti, di basso ha solo il prezzo!

AMD ha finalmente completato la sua line up di processori serie ryzen 3000 introducendo nel mercato la fascia Ryzen 3. Non mi sento in dovere di definirla bassa poiché, come vedremo più avanti, di basso ha solo il prezzo! In particolare Ryzen 3100 e 3300x sono gli ultimi arrivati di casa AMD.

Architettura AMD Zen 2, nome in codice Matisse (per gli amici) e processo produttivo 7nm prodotto da TSMC caratterizzano questa serie 3000 di processori. Se pur con un ritardo da considerare (i primi processori serie 3000 sono arrivati a Luglio 2020) questi nuovi processori non sono da meno in termini di qualità/prezzo, caratteristica a cui AMD ci ha fatto abituare sin dalla serie 1000.

 

Ma adesso parliamo dei protagonisti di questo articolo. I Ryzen 3100 e 3300x oltre ai vantaggi già visti nelle altre CPU della serie 3000 (IPC migliorato, grandi quantità di cache, PCI-e 4.0 ecc..) raddoppiano il numero di threads rispetto ai Ryzen 3 delle scorse generazioni. Se prima il 1200 e il 1300x erano dei 4 core e 4 thread, adesso il 3100 e il 3300x offrono 4 core e 8 Threads con il conseguente boost prestazionale in ambito produttività con software che sfruttano molto il Multithreading (chiamato SMD da AMD).


C’è però una precisazione da fare per quanto riguarda i core. Il Ryzen 3 3100 presenta un CCD con due core attivi per CCX, offrendo quindi un ipotetico 2+2 core. Il 3300X ha invece tutti e quattro i core attivi all’interno di un solo CCX, ipoteticamente lo chiameremo 4+0 . Queste differenze garantiscono al Ryzen 3 3300X una latenza tra i core inferiore rispetto al Ryzen 3 3100 e una cache unificata per tutti i core e thread, caratteristiche che si traducono in prestazioni superiori.

Il Ryzen 3100 ha una frequenza base di 3,6 GHz e in boot arriva fino a 3,9 GHz, 2MB di cache L2 e 16 MB di cache L3 con un TDP di 65W oppure sfruttando la Eco Mode a 45W.

 

ll Ryzen 3300x ha una frequenza base di 3,8 GHz e in boot arriva fino a 4,3 GHz, 2MB di cache L2 e 16 MB di cache L3 con un TDP di 65W o 45W (sempre in Eco Mode).

ryzen

Nei giochi, grazie al IPC migliorato e all’alta frequenza, si posizionano davanti al i5 9400f, CPU il cui costo si aggira intorno a 180 euro. Tradotto in termini percentuali salvo qualche videogioco in cui sono molto simili il Ryzen 3300x genera tra il 10 e il 20% di fps in più rispetto all’i5. In produttività il divario diventa assurdo. In software di criptazione dei dati, editing di video o modellazione 3D la differenza di performance è del 75%. Su Cinebench stessa storia. Vincono i Ryzen 3 in rapporto ad un i7 7700K con +8% in multi core e +17% in single core. Ovviamente aspettiamo i processori di decima generazione Intel per il confronto(link all’articolo di presentazione)

I prezzi in Italia sono di 91+IVA per il 3100 (circa 110 euro) e 110+IVA per il 3300x(circa 130 euro)

ryzen

Grazie anche alle schede madri con chipset B550 in arrivo nei prossimi mesi con supporto al PCIe 4.0, che permette velocità di trasferimento molto alte con SSD compatibili, si potrà assemblare una macchina veramente molto valida lato produttività e gaming. Grazie al notevole risparmio su CPU e scheda madre si potrà investire maggiormente nell’acquisto di una Scheda Video di fascia medio-alta, abilmente gestibile da queste due bestie. Detto questo avete ancora il coraggio di chiamarla “fascia bassa”


Piccola chicca: TSAIK, un overclocker molto famoso è riuscito a portare un Ryzen 3 3100 a circa 6Ghz sotto azoto liquido, con una tensione di 1,45V, il tutto su una scheda madre MSI MAG X570 Tomahawk WiFi.

Spread the world
Translate »